Kvgo.us

Kvgo.us

Registro carico scarico avicoli

Posted on Author Mazurg Posted in Grafica e design

  1. RELAZIONE ANNUALE AL PNI 2016
  2. Anagrafe zootecnica
  3. Registro Carico/Scarico allevamento bestiame
  4. Account Options

Misure di biosicurezza negli allevamenti avicoli. 6. IV; IVa; V o dotarsi di un registro di carico e scarico (Allegato IV) sul quale, per ciascuna. Home /; Allevamento - Carico - Scarico bestiame - Registro - 46 pagine. Product was successfully added to your shopping cart. Vai al Carrello. A MAGGIO LA. CONTROLLI ATTIVITÀ IPPC Valutazione potenzialità e presenze medie galline ovaiole. Estratto registro di carico/scarico capi avicoli. capi e che non movimentino avicoli verso altre aziende e nei quali gli avicoli sono registri di carico/scarico e/o delle copie del modello 4 in entrata e uscita.

Nome: registro carico scarico avicoli
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 34.67 Megabytes

Detto registro opera quindi ai fini fiscali, sanitari e CITES, ove coesistano attività di produzione e amministrativa. In tutti i siti di allevamento dipendenti dalla medesima impresa di acquacoltura, il registro deve essere compilato sempre su base cronologica, esclusivamente nelle voci di interesse sanitario, quindi anche CITES, escludendo la parte fiscale, poiché tenuta nella sede amministrativa.

Il registro integrato deve essere aggiornato tutti i giorni, deve essere conservato dall impresa di acquacoltura ai fini sanitari per un periodo di tre anni, mentre ai fini della registrazione CITES per dieci anni, a partire dall ultima annotazione in esso riportata. Ai fini fiscali il registro integrato deve essere tenuto e conservato ai sensi dell art. Il registro di carico e scarico integrato deve essere tenuto presso l impianto e conservato in un luogo idoneo e aggiornato su base giornaliera.

Ogni sito d allevamento identificato con proprio codice d allevamento deve tenere un registro di carico e scarico ai fini sanitari e CITES, nel caso di specie soggette a tale registrazione.

Tenere registrazione del personale impiegato compreso quello esterno es. Dichiarazione scritta e firmata da parte del personale che opera all'interno dell'allevamento, sia in modo continuativo sia saltuario, di non detenere volatili propri d. Le ditte e i soggetti che forniscono servizi agli allevamenti vaccinazione, carico animali, ecc.

Operazioni di pulizia e disinfezione degli automezzi. Tutti gli automezzi che accedono all'allevamento devono essere lavati e disinfettati.

In particolare gli automezzi destinati al trasporto degli animali per la macellazione devono essere accuratamente lavati e disinfettati presso il macello dopo ogni scarico. Deve essere posta particolare attenzione al lavaggio delle gabbie. A tal fine deve essere predisposto un protocollo di sanificazione approvato dal Servizio veterinario e inserito nel manuale di autocontrollo del macello. Il proprietario deve verificarne l'avvenuta pulizia e disinfezione documento.

Il proprietario dell'allevamento deve verificare anche l'avvenuta disinfezione degli automezzi trasporto mangime il lavaggio e disinfezione deve essere effettuato presso il mangimificio e dovra' avvenire almeno con cadenza settimanale.

La disinfezione deve essere attestata dal tagliando allegato ai documenti di accompagnamento.

RELAZIONE ANNUALE AL PNI 2016

Gestione degli allevamenti di tacchini da carne. Negli allevamenti di tacchini da carne di tipo intensivo e' consentito esclusivamente l'accasamento di tacchinotti di un giorno provenienti direttamente da un incubatoio. In deroga al precedente punto a. Lo spostamento dei tacchini tra i diversi capannoni e' limitato alle situazioni in cui e' strettamente necessario e deve essere effettuato con mezzi adeguati evitando il contatto diretto o indiretto con selvatici. In presenza di situazione epidemiologica a rischio, l'accasamento dei pulcini di un giorno dovra' avvenire per singolo capannone, inoltre l'accasamento a sessi misti dovra' prevedere la separazione degli animali all'interno dello stesso capannone in modo che, dopo il carico delle femmine, non sia necessario spostare i maschi.

Il carico dei tacchini al macello deve essere effettuato nell'arco di un tempo massimo di dieci giorni. In deroga al precedente punto d. La deroga puo' essere concessa a seguito di verifica della scrupolosa applicazione dei requisiti strutturali e gestionali di biosicurezza e l'effettuazione di controlli virologici e sierologici, che prevedano almeno il prelievo trascorsi quattordici giorni dal carico delle femmine, e dieci giorni prima del carico dei maschi.

Disposizioni particolari per gli allevamenti di galline ovaiole per la produzione di uova da consumo.

Anagrafe zootecnica

Nei centri di imballaggio annessi ad allevamento e' vietato: a. Completare il carico delle uova su automezzi provenienti da altri allevamenti c. E' consentito il carico di uova su automezzi che trasportano materiali contenitori per uova e bancali a condizione che questi ultimi siano correttamente lavati e disinfettati d.

In deroga ai precedenti punti a. Per l'imballaggio e il trasporto delle uova da consumo deve essere utilizzato esclusivamente materiale monouso o materiale lavabile e disinfettabile f. Nella sala uova deve essere presente un lavandino dotato di sapone e asciugamano. Pulizia e disinfezione del materiale non monouso utilizzato nei centri di imballaggio. Nei centri di imballaggio deve essere presente e regolarmente verificata una procedura di pulizia e disinfezione degli automezzi e dei materiali non monouso.

Se i materiali vengono spediti ad altro stabilimento per la pulizia e disinfezione, quest'ultimo non deve essere annesso ad allevamento inoltre deve essere presente e correttamente applicata una procedura per garantire la rintracciabilita' tali movimentazioni. Alla fine di ogni ciclo produttivo e prima dell'inizio del successivo, i locali e le attrezzature devono essere accuratamente sottoposti a pulizia e disinfezione, da eseguire secondo un protocollo scritto che deve essere disponibile per le verifiche da parte dell'AC.

Le attrezzature impiegate durante il ciclo produttivo per attivita' anche al di fuori dei capannoni es: trasporto tacchini tra un capannone e l'altro, fresatrici, muletti, etc. La procedura deve inoltre garantire che le attrezzature, una volta pulite e disinfettate, vengano correttamente gestiste e stoccate in modo da evitare la successiva contaminazione.

Pavimento in cemento o in materiale lavabile per facilitare le operazioni di pulizia e disinfezione, fatta eccezione dei parchetti esterni; b. Pareti e soffitti lavabili; c. Attrezzature lavabili e disinfettabili; d. Efficaci reti antipassero su tutte le aperture ad esclusione dei capannoni dotati di parchetti esterni; e.

Registro Carico/Scarico allevamento bestiame

Le strutture dei locali di allevamento devono essere in buono stato di manutenzione; f. I capannoni devono altresi' essere dotati di chiusure adeguate; g. Tutti gli allevamenti devono possedere: a. Barriere cancelli o sbarre mobili idonee a evitare l'accesso incontrollato di persone e automezzi, inoltre all'ingresso devono essere apposti cartelli di divieto di accesso agli estranei; deve essere presente un'area di parcheggio, situata preferibilmente all'esterno dell'allevamento, chiaramente identificata, per la sosta dei veicoli sia del personale dell'azienda sia dei visitatori.

Tale zona deve essere nettamente separata dall'area di allevamento, alla quale deve essere possibile accedere solo attraverso la zona filtro.

Presenza di un contenitore per i rifiuti nelle vicinanze della barriera; b. Sistemi diversi di disinfezione all'ingresso dovranno essere valutati caso per caso da parte del Servizio veterinario competente che dovra' verificarne l'efficacia; c. Piazzole di carico e scarico dei materiali d'uso e degli animali, posizionate agli ingressi dei capannoni, lavabili, disinfettabili, ben mantenute e di dimensioni minime pari all'apertura del capannone che consentano la manovra dell'automezzo e che siano di un fondo solido ben mantenuto; d.

Per i nuovi fabbricati destinati all'allevamento commerciale, un sistema di caricamento del mangime dall'esterno della recinzione; e. Aree di stoccaggio dei materiali d'uso attrezzature di allevamento, materiali, lettiere vergini, mezzi meccanici ecc.

Una zona filtro, posizionata all'ingresso dell'allevamento, dotata di spogliatoio, lavandino e detergenti. Tale zona deve essere mantenuta pulita e in ordine e dotata di calzature e tute specifiche. L'accesso all'area di allevamento deve avvenire esclusivamente attraverso tale zona filtro; g.

Uno spazio protetto per il deposito temporaneo dei rifiuti; non e' ammesso accumulo di qualsiasi materiale nelle zone attigue ai capannoni; h. Idonei cartelli informativi sulle procedure da adottare dopo l'accesso all'allevamento, al fine di garantire una migliore attuazione delle pratiche previste nei precedenti punti; i.

Nel caso fossero presenti altri edifici all'interno del perimetro aziendale es: abitazione, depositi materiali non inerenti l'allevamento, etc. Negli allevamenti appartenenti al circuito rurale svezzatori , ogni ambiente stanza deve essere delimitato da pareti lavabili e disinfettabili e dotato di proprio accesso indipendente, anche nel caso confini su uno o piu' lati con altre unita' produttive.

Oltre a quanto riportato nella presente ordinanza, per consentire la commercializzazione dei volatili appartenenti al settore rurale, si rimanda alle disposizioni previste dal decreto ministeriale 25 giugno Norme di conduzione.

E' fatto obbligo al proprietario dell'allevamento di: a. Vietare l'ingresso a persone estranee. In deroga alla presente lettera, negli allevamenti di svezzamento, il responsabile deve limitare il piu' possibile l'accesso di estranei all'area di allevamento e impedire il contatto diretto con i volatili; b. Dotare il personale di vestiario e calzature monouso o in alternativa lavabili e puliti per ogni intervento da effettuare in allevamento; c.

Consentire l'accesso all'area di allevamento solo agli automezzi destinati all'attivita' di allevamento e previa accurata pulizia e disinfezione del mezzo all'ingresso in azienda; d. Registrare tutti i movimenti in uscita e in ingresso dall'azienda del personale autorizzato indicandone le mansioni , degli animali, delle attrezzature e degli automezzi; e.

Mantenere le aree circostanti i capannoni pulite e ordinate con erba tagliata, assenza di oggetti e materiali; f. Predisporre un programma di derattizzazione e lotta agli insetti nocivi; g.

Account Options

Predisporre un protocollo di pulizia e disinfezione dei locali e degli automezzi; h. Vietare al personale che opera anche saltuariamente nell'allevamento di detenere volatili propri; i. Ad ogni modo, questi cookie non possono essere utilizzati per fare profilazione o identificare utenti particolari, ma vengono adoperati esclusivamente a fini statistici in forma aggregata.

Cookies di Terze Parti Nel corso della navigazione sul Sito www. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal Sito www. In tali casi, ATS della Brianza è totalmente estranea alla operatività di tali cookies, il cui invio rientra nella responsabilità di tali società terze.


Articoli popolari: