Kvgo.us

Kvgo.us

Modulo da scaricare per non pagare il canone rai

Posted on Author Shakus Posted in Grafica e design

Attenzione: per ridurre i costi di stampa e di spedizione postale non è di esenzione dal pagamento del canone di abbonamento alla televisione per uso. UN MODULO AUTOCERTIFICAZIONE RAI DA COMPILARE E L'​autocertificazione per non pagare il canone Rai può essere inviata tramite il. L'autocertificazione di non possesso della Tv per l'esonero dal canone Rai in bolletta luce. Per non pagare il canone Rai nel bisogna chiedere l'esenzione. del canone Rai potete trovare anche tutti i moduli per l'anno da il modulo dedicato (lo potete scaricare qui di seguito) e presentando la richiesta.

Nome: modulo da scaricare per non pagare il canone rai
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 23.64 Megabytes

Dichiarazione sostitutiva Atto Notorio modello e quando serve? Tramite intermediari. Per scaricare il modulo autocertificazione: è possibile visitare il sito ufficiale dell'Agenzia delle Entrate o di Fiscooggi. Esenzione canone RAI over I contribuenti che hanno più di 75 anni ed un reddito fino a 8. Stessa cosa per coloro che compiono 75 anni entro il 31 gennaio Per coloro che compiranno la fatidica età successivamente ma entro giungo, è possibile inviare la disdetta entro la scadenza del 30 giugno.

E se decidessi di comprare una Tv dopo aver inviato l'autocertificazione di non possesso? In quel caso, sei tenuto ad inviare tempestivamente la dichiarazione sostitutiva di variazione dei presupposti. In quest'ultima, sarà necessario indicare nell'apposito campo la data di presentazione della precedente dichiarazione.

L'autocertificazione sostitutiva di variazione dei presupposti ha effetto dal mese in cui viene presentata. Come inviare il modello dell'esonero dal canone? Nonostante il Canone Rai sia addebitato in bolletta luce, il fornitore è solo un tramite tra te e l'Agenzia delle Entrate.

Esenzione pagamento canone RAI online Per entrare nella procedura bisogna inserire lo Spid, il Pin di fisconline o la carta nazionale dei servizi Smart card il codice fiscale del richiedente, la password ed il codice Pin. Accedi al servizio di fisconline Il richiedente deve cliccare su servizi — comunicare — Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato.

In seguito bisogna premere su invia dichiarazione Dichiarazione sostitutiva canone abbonamento televisione e selezionare il quadro a, b o c, in relazione al tipo di dichiarazione. Ebbene, il Ministero dello Sviluppo Economico ha chiarito una volta per tutte che i device utilizzati per la connessione internet non sono considerati alla stregua di un televisore, a meno che essi non vengano adattati alla ricezione del segnale digitale o satellitare tramite appositi apparecchi.

Il nesso è semplice da capire, perché senza alcun contratto della luce non si avrebbe la possibilità di vedere la TV, mentre con una fornitura attiva lo Stato presume la capacità di collegare ad una presa uno schermo fornito di digitale terrestre. Se un immobile viene condiviso fra più persone si pensi alle case affittate agli studenti , il canone sarà pagato da chi ha intestata la bolletta elettrica.

Costui pagherà le 10 quote del canone se non paga la bolletta ne risponderà in prima persona , ma potrà chiedere agli altri inquilini di contribuire alla spesa facendosi restituire quanto versato a titolo di imposta.

Chi non deve pagare il canone Rai? Tuttavia, per evitare di pagare anche due volte il canone Rai, esistono casi in cui questa imposta non è dovuta. Un esempio potrebbe essere una persona che utilizza solo il computer per vedere film e programmi trasmessi in streaming, oppure un individuo che ascolta solo la radio.

A partire dal il canone Rai non è richiesto a chi detiene solo apparecchi radiofonici [3]. È una situazione comune quella in cui un partner o un figlio hanno in proprietà un immobile adibito a casa vacanza e, per usufruire delle agevolazioni sulla prima casa, intestano a nome proprio le varie utenze.

Il locatario non paga neanche se dimostra che un membro della famiglia anagrafica adempie al canone. Un esempio potrebbe essere una persona che prende in affitto una casa studente da destinare al proprio figlio, intestandosi le relative utenze per tutta la durata del contratto.


Articoli popolari: