Kvgo.us

Kvgo.us

Mail giulia sarti scaricare

Posted on Author Kilkree Posted in Film

  1. M5S, Giulia Sarti fa retromarcia: 'Non e' una bufala, pubblicate le mie mail'
  2. Hacker rubano le mail alla deputata grillina Giulia Sarti
  3. “Non sono in lite con i vertici del M5s”

Al momento i file non si riescono a scaricare Hackerate le mail di Giulia Sarti del M5S La Procura di Roma apre un'inchiesta (24/04/). La prima vittima e' stata la riminese Giulia Sarti: migliaia di mail una bufala perché i file non si riuscivano a scaricare, poi ci siamo accorti che. Prima email rilasciata: Giulia Sarti - GB Bayfiles (zip): Sto primo link mi vuole scaricare per forza un eseguibile (ilivid ) neurino. 6 anni fa. Primo bersaglio: la deputata Giulia Sarti. 'L'Espresso' non diffonde i file in questione (che noi abbiamo potuto scaricare, così come chiunque.

Nome: mail giulia sarti scaricare
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 66.31 MB

Libero Shopping. Libero Edicola. Sarebbe la sua prossima mossa dopo la consegna ai magistrati di Rimini della copia delle sue conversazioni con la Sarti per dimostrare di non averle mai rubato i soldi che lei doveva versare al M5s. Bogdan, assistito dall'avvocato Mario Scarpa , dovrà decidere se denunciarla per calunnia: "Tra i 5 Stelle tutti sapevano che cosa era accaduto, è incredibile che adesso tutti scarichino lei.

E ancora su facebook, in un post poi cancellato: "Ho letto sui giornali che Casalino fa lo gnorri e scarica la Sarti. Sapete qual è il bello? Il messaggio con il quale mi si informava che sarebbero stati lui e Ilaria Loquenzi, una delle portavoci, ndr a spingere la querela, Casalino lo ha avuto screenshots , da me, il 15 febbraio del

M5S, Giulia Sarti fa retromarcia: 'Non e' una bufala, pubblicate le mie mail'

Ma non importa. Non è questo il punto.

Io mi auguro che una protezione di questo genere valga e sia disponibile sempre e per qualsiasi cittadino italiano, anche e soprattutto per quel cittadini che non è parlamentare e, quindi, ha meno possibilità e mezzi per difendersi. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sito web. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam.

Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Salta il contenuto. Possono interessarti anche questi articoli: Il filmino di Giulia Sarti: "Smettete di occuparvi… Il video erotico di Olvido Hormigo Carpio Scuola: le raccomandazioni del Garante della Privacy La direttiva di Fioroni sull'uso dei videofonini e… Stupide cretinerie e deficienze imbecilli Facebook, il Social Network e il Garante per la Privacy Le disposizioni del Garante della Privacy a tutela… Giulia Sarti, vittima di revenge porn, non vota… Riflessioni per convivere un po' meglio con Facebook L'onorevole Rossi alla Commissione Parlamentare per… Privacy: Telefonate commerciali indesiderate.

Insomma un incredibile ricatto e un attacco frontale al M5S in nome di una presunta necessità di trasparenza. Caselle a cui molto probabilmente gli hacker hanno avuto accesso per mesi, almeno dallo scorso novembre, e in cui hanno continuato ad entrare fino a pochi giorni fa.

Hacker rubano le mail alla deputata grillina Giulia Sarti

A essere colpito è stato il suo account personale di webmail. Si sta parlando di migliaia di corrispondenze, per un totale di circa 1,2 Gigabyte di spazio, che vanno molto indietro nel tempo, e che sicuramente coprono tutto il per arrivare alle ultime settimane.

Ma anche numeri di telefono, dati sensibili e privati di decine di persone in contatto con la grillina o gli altri attivisti. Nonché a un leak dalle conseguenze politiche imprevedibili.

“Non sono in lite con i vertici del M5s”

Ma soprattutto siamo di fronte a una Waterloo dal punto di vista della cybersicurezza del Movimento 5 stelle. Non è banale accedere a questo tipo di mail se protette con buone password.

Forse, come fanno intuire gli hacker nella nostra intervista, anche a causa della malsana abitudine di molti utenti di usare le stesse password per diversi account. Hacker del Pd, si dicono gli autori del colpo.

Cioè, come ci spiegano, simpatizzanti del Partito democratico delusi dal M5S e dalla sua promessa di cambiamento. E insieme cyberattivisti di area Anonymous. Erano in possesso di questi materiali da tempo ma hanno scelto di muoversi adesso.

Ora dovranno venire allo scoperto. Dicono di essere pronti a rilasciare online, ogni settimana, un blocco di mail di una nuova casella.


Articoli popolari: